IL FLAUTO MAGICO

On 16 novembre 2008 by Dimitri Rangoni

IL FLAUTO MAGICO di Volfang Amadeus Mozart – ( Libretto ) – Il flauto magico (K 620) (titolo originale Die Zauberflöte) è un singspiel in due atti musicata da Wolfgang Amadeus Mozart, su libretto di Emanuel Schikaneder (con il contributo di Karl Ludwig Giesecke).La prima rappresentazione avvenne al Theater auf der Wieden (Vienna) il 30 settembre 1791.

% Nausica Opera IL FLAUTO MAGICO Nausica OperaAtto I
L’azione si svolge nell’antico Egitto, trasfigurato in una dimensione fantastica e fiabesca. Il principe Tamino sta fuggendo da un serpente e gli vengono incontro le tre dame della regina della notte per aiutarlo. Le dame lo presentano alla Regina della notte, Astrifiammante, che lamenta il dolore per la scomparsa della figlia Pamina, rapita dal malvagio Sarastro. Tamino, affascinato da un ritratto della giovane, decide di andare con l’uccellatore Papageno a salvare la principessa. Le Dame consegnano a Tamino un flauto magico e un glockenspiel (carillon) fatato a Papageno. Tamino e Papageno si incamminano verso il Tempio di Sarastro, sotto la guida di tre ragazzi. Papageno giunge per primo al tempio e penetra persino nella stanza dove il perfido moro Monostatos tiene imprigionata Pamina. Papageno e Pamina, scacciando Monostatos, tentano la fuga. Tamino frattanto giunge di fronte a tre Templi (Natura, Ragione e Saggezza) e si confronta con un sacerdote che, oltre a smontare l’immagine di un Sarastro cattivo, pone domande a Tamino sul suo essere uomo. Tamino, sconcertato e disorientato, suona il flauto magico nella speranza di far comparire Pamina, invano. Trascinato da Monostatos, viene successivamente condotto al cospetto di Sarastro (alla presenza anche di Pamina), che lo libera e gli dice che, se vorrà entrare nel suo regno con Papageno, dovrà purificarsi. Tamino e Pamina si riconoscono e si amano da subito.

Atto II
Sarastro invoca Iside ed Osiride affinché aiutino spiritualmente Papageno e Tamino, che quindi iniziano la prima prova: dovranno stare in silenzio, qualunque cosa accada. Monostatos si avvicina furtivamente a Pamina addormentata: vorrebbe baciarla, ma è cacciato da Astrifiammante che, porgendo un pugnale alla figlia, le ordina di vendicarla uccidendo Sarastro. Monostatos, non visto, ha ascoltato tutto e minaccia di rivelare l’intrigo se Pamina non l’amerà. Sopraggiunge Sarastro: dopo aver scacciato Monostatos si rivolge paternamente a Pamina e le spiega che solo l’amore, non la vendetta, conduce alla felicità. Pamina cerca di parlare a Tamino, ma il giovane – essendo ancora sottoposto alla prova del silenzio – non può. Lei crede che non l’ami più, come le ha suggerito Monostatos, ora diventato alleato di Astrifiammante e forse innamorato di lei, e, colta dal dolore, medita il suicido, ma viene fermata da tre ragazzi che l’informano dello scopo della prova. Durante questa prova, Papageno parla con una vecchina, che, poco più tardi, si rivelerà essere Papagena, una donna simile a lui, di cui si innamora. Tamino e Pamina superano le due successive prove: l’attraversamento dell’acqua e del fuoco. Ma subito dopo arrivano Astrifiammante, Monostatos e le tre dame per sconfiggere Sarastro. Un terremoto li fa inabissare, e così si celebra la vittoria del bene sul male. Pamina e Tamino vengono accolti nel regno solare di Sarastro.Max Slevogt Zauberflöte Szene.jpg

Forme musicali
Nella partitura del Flauto magico, un Singspiel tedesco come Il ratto dal serraglio, si possono identificare rimandi a varie forme e generi musicali:
– Lied viennese, bipartito in luogo della tripartizione tipica dell’aria italiana (ad es. “Ein Mädchen oder Weibchen” di Papageno);
– Corale luterano, fuga e contrappunto con particolare riferimento all’arte di Bach e Handel che Mozart aveva potuto approfondire tramite il Barone Gottfried van Swieten (ad es. Ouverture);
– Corale luterano variato, sul modello specificamente bachiano (scena degli armigeri);
– Aria italiana, sia dell’opera buffa sia dell’opera seria (aria di Pamina e arie della Regina della notte);
– Recitativo accompagnato secondo il modello di Gluck (scena dell’Oratore).

Struttura dell’opera

Ouverture
Atto primo
Quadro I Prologo in terra
N. 1 Introduzione Zu Hilfe! Zu Hilfe! Sonst bin ich verloren (Tamino, le tre dame)
N. 2 Aria Der Vogelfänger bin ich ja (Papageno)
N. 3 Aria di Tamino Dies Bildnis ist bezaubernd schön (Tamino)
N. 4 Recitativo e Aria O zittre nicht, mein lieber Sohn! – Zum Leiden bin ich auserkohren (Regina della notte)
N. 5 Quintetto Hm Hm Hm (Tamino, Papageno, le tre dame)
Quadro II Viaggio verso la saggezza
N. 6 Terzetto Du feines Täubchen, nur herein! (Monostatos, Pamina, Papageno)
N. 7 Duetto Bei Männern, welche Liebe fühlen (Pamina, Papageno)
N. 8 Finale primo Zum Ziele führt dich diese Bahn (i tre fanciulli, Tamino)

Atto secondo
Quadro I Tempio di Sarastro
N. 9 Marcia dei Sacerdoti
N. 10 Aria con coro O Isis und Osiris (Sacerdoti, Sarastro)
Quadro II Intermezzo ambiguo
N. 11 Duetto Bewahret euch vor Weibertücken (Secondo sacerdote e Sarastro)
N. 12 Quintetto Wie? Ihr an diesem Schreckensort? (Le tre dame, Tamino, Papageno)
Quadro III Intermezzo notturno
N. 13 Aria Alles fühlt der Liebe Freuden (Monostatos)
N. 14 Aria Der Hölle Rache kocht in meinem Herzen (Regina della notte)
N. 15 Aria di Sarastro In diesen heil’gen Hallen (Sarastro)
Quadro IV Prove dell’aria e del silenzio
N. 16 Terzetto Seid uns zum zweitenmal willkommen (I tre fanciulli)
N. 17 Aria Ach, ich fühl’s, es ist verschwunden (Pamina)
Quadro V Saggezza di Sarastro e saggezza di Papageno
N. 18 Coro O Isis und Osiris, welche Wonne! (Sacerdoti)
N. 19 Terzetto Soll ich dich, Teurer, nicht mehr seh’n? (Pamina, Tamino, Sarastro)
N. 20 Aria Ein Mädchen oder Weibchen wünscht Papageno sich! (Papageno)
Quadro VI Prove dell’acqua e del fuoco. Vittoria del bene
N. 21 Finale secondo Bald prangt, den Morgen zu verkünden (i tre fanciulli, Pamina)

Elementi culturali
Svariati elementi culturali sono confluiti nel Flauto magico:
– Il fiabesco-meraviglioso settecentesco (flauto e glockenspiel dalle proprietà magiche, apparizioni di animali e di genietti, montagne che si aprono svelando meravigliose sale);
– L’illuminismo e il giusnaturalismo (aspirazione dell’uomo alla saggezza, alla ragione e al rapporto armonico con la natura);
– La massoneria (riti d’iniziazione per accedere ai misteri e alla luce, invocazioni delle divinità egizie Iside e Osiride, comunità dei seguaci di Sarastro, ricca simbologia con particolare riferimento ai numeri e alla misteriosofia);
– L’Hanswurst e il Kasperl popolar-viennese (l’umile, il popolaresco, il comico, il semplice, il naturale e il bonario che sono racchiusi nella figura di Papageno).

Il flauto magico può essere letto sia come fiaba per bambini sia come racconto massonico o come storia a contenuto illuminista.La vicenda racconta però anche lo sviluppo di un individuo che, da giovane, ignorante e debole che era, diventa saggio, sapiente e uomo attraverso la scoperta dell’amore e il superamento di varie prove iniziatiche.

Durante questo percorso formativo, il giudizio di Tamino sui due Regni nemici si capovolge: il bene, inizialmente identificato con il Regno lunare della Regina della notte in quanto vittima del rapimento della figlia condotto da Sarastro, finirà per essere identificato nel Regno solare di quest’ultimo, inizialmente giudicato come malvagio. Nel Regno di Sarastro, Tamino troverà ragione e saggezza. Si scoprono così le buone intenzioni di Sarastro nel portare a sé Pamina, non togliendole libertà ma sottraendola con intento protettivo alla malvagia madre onde poterla destinare al giovane predestinato ed eroe della vicenda, ovvero lo stesso Tamino.

Oltre ad un’interpretazione incentrata sulla contrapposizione orizzontale fra i due Regni, si può interpretare in un’ottica verticale dove la contrapposizione è fra il potere, l’autorità, i Regni e il sotto-mondo popolare, semplice e genuino rappresentato da Papageno. L’antitesi è allora fra il concreto uomo-animale allo stato naturale e l’eletto, aristocratico ed astratto Tamino.

Il Regno della luna e quello del sole sono nemici ma, allora, sostanzialmente uguali. Entrambi rappresentano l’autorità e l’ordine, mentre Papageno – che non ha superato le prove iniziatiche ma che di ciò se ne infischia beatamente – è l’uomo di tutti i giorni capace di servire allo stesso modo la Regina della notte come Sarastro, consapevole che la bontà e la felicità, seppur materiale, stanno dalla sua parte.La Rivoluzione Francese porterà a “politicizzare” i personaggi: la perfida Regina della Notte sarà associata all’odiato Ancién Regime, Sarastro all’Illuminismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *